vuoi contattarci via mail? CLICCA QUI!

sabato 3 gennaio 2009

Vi faccio io l'oroscopo: Per fare una grande scoperta, bisogna dubitare di tutto ciò che è indubitabile..!

Mi ritrovo a scrivere questo articolo prendendo spunto dalla Querelle che nasce ad ogni inizio anno sulla credibilità dell'astrologia. Astrofisici e ricercatori, brandendo ipotetiche verità assolute basate sul "noto attuale", si comportano con gli astrologi, esattamente allo stesso modo dei saggi dell'epoca nei confronti del loro idolo Galileo. Ma siamo sicuri che l'astrologia non abbia alcuna valenza? Nella storia del Buddhismo tibetano ad esempio, la ricerca del nuovo Dalai lama viene effettuata seguendo le indicazioni di un piano astrale.Io stesso nel mio piano astrale noto le caratteristiche uniche che mi contraddistinguono. Antichi popoli come gli Aztechi o gli Egizi o ancora i Babilionesi, basavano molto della loro cultura sull'astrologia. Per quale motivo tutta questa massa di gente, negli anni si è lasciata "abbindolare" da queste pratiche se prive di qualsiasi fondatezza? Chiaramente non possiamo assimilare all'astrologia il messaggino sul telefono o il trafiletto sul settimanale e addirittura sui quotidiani. Gli acculturati che confezionano queste pillole di saggezza non si fanno scrupoli nell'utilizzare queste arcaiche pratiche: E così alla faccia dell'etica professionale, si soddisfa il mercato con ciò che chiede, anche se ritenuto una plateale panzana. "Uè ragazzi, siamo nel Duemila, Oggi sappiamo tutto, riusciamo a vedere l'acqua su giove, la vita su marte, i buchi neri... Riusciamo a leggere il giornale da un satellite, a far saltare in aria un'intera città con un'unica bomba. (anzi due città)". Siamo talmente avanti che... non riusciamo a metterci d'accordo nel bene comune. Prendiamo gli sciamani e li bruciamo sul rogo delle streghe, Non accettiamo la pranoterapia ma avalliamo la medicina omeopatica (che è poi un business stupido che si basa sulle conoscienze delle nonne (le sciamane di casa nostra).Deridiamo gli Yogi seduti sopra i chiodi anche se è cool praticare quelle tecniche alla ricerca di un fantomatico equilibrio. Ma quale equilibrio, sepolti come siamo nella fisicità delle cose mi domando come sia possibile inseguire il "nirvana". Le uniche assurdità che accettiamo sono i miracoli di "santa romana chiesa", quelli sono misteri inspiegabili ma condivisi. Ci sta bene che Lazzaro sia resuscitato, che ad un tizio è bastato dirglielo che si è alzato e ha camminato. Che in Palestina ancora oggi c'è pesce marcio e pane raffermo abbandonato sul ciglio della strada.(è duemila anni che è lì, altro che i rifiuti di Napoli). Cosa ne penso io? Se una persona riesce a donare speranza ad un'altra, ha già di per sè fatto un grande miracolo, se poi esistono (e sono tanti) cani sciolti che approfittano della gente semplice per spillare danaro... Beh la politica fa lo stesso no? E nessuno si scandalizza. Anche i sapientoni che condannano ogni forma di ignoto... Dimostratevi credibili invece di vendervi a vostra volta al sistema. Galileo non è stato li ad aspettare i fondi per fare le sue ricerche. I migliori inventori, furono grandi dopo la loro morte. Fu l'evidenza dei fatti che nel tempo rese credibile le loro scoperte, prima di ciò erano spesso dei perseguitati, dei pazzi. La scienza che sa tutto mi deve spiegare per quale motivo siamo uguali ma allo stesso tempo uno diverso dall'altro... Mi deve spiegare perchè una persona è buona e una è cattiva, perchè una odia e una ama. Mi deve spiegare chi decide la nostra forma cromosomica... Deve dirmi perchè io ho una filosofia diversa da quella di un altro... Miei cari sapientoni:"perchè persone come bERLUSCONI non vengono trattate esattamente come tutti gli altri ciarlatani? Perchè siamo gestiti da puttanelle e da giornalisti prezzolati? Perchè voi, che possiedete la cultura non scendete in campo con fermezza per impedire tutto questo? Perchè non accettate un "Dio povero" ma vi vendete anche voi al "Dio danaro"? Ho un'ultima considerazione da fare sui ricercatori. Oggi viviamo in funzione delle scoperte fatte nel bene e nel male. Ma ditemi miei cari sapientoni, davanti ad una scoperta quanto tempo avete dedicato alla valutazione dei suoi effetti collaterali. Si perchè qui il mondo va a rotoli e la morsa in cui stiamo soffocando è data dalla risultante di una ricerca che si è preoccupata solo di andare avanti senza calcolare le controindicazioni.

2 commenti:

  1. ogni tanto penso... se dovesse tornare sulla terra gesù cristo (coime se non ci fossero già di cristi in giro...) che fine farebbe? sicuramente peggiore di quella che fece duemila anni fa. E sarebbero proprio loro a fargliela fare. Le belle facce (di merda) del primo banco. E chi erano le streghe se non dei nuovi cristi?

    RispondiElimina
  2. mister icsssss8 gennaio 2009 16:47

    mmm... se nascesse in America finirebbe sulla sedia elettrica... in Cina probabilmente verrebbe torturato... in Palestina potrebbe finire vittima di qualche raid israeliano... e se nascesse in Italia... bè... avrebbe più opportunità: o l'isola dei famosi o il grande fratello... non so quale sia la fine peggiore!

    RispondiElimina